ensest porno hikaye adana chat ankara chat turk porno

Cane sepolto vivo dal padrone, salvato dopo 40 ore

E' stato sepolto vivo sotto mezzo metro di laterizi dal suo padrone, ma la polizia è riuscita a salvarlo nonostante fossero passate 40 ore. E' questa l’agghiacciante vicenda, per fortuna a lieto fine, toccata a un cane a Desenzano, in provincia di Brescia. Gli agenti hanno scavato a mani nude gli agenti tra ghiaia e forati, trovando Jerry, questo il nome dell'animale, agonizzante e con gli occhi coperti da una benda. Denunciato il padrone senza cuore.  I poliziotti erano stati avvisati da un cittadino che, passando nella zona di

campagna del paese gardesano, ha sentito dei guaiti provenire da sotto le macerie. In poche ore è stato identificato il proprietario dell’animale, che ha ammesso di averlo sepolto perché pensava fosse già morto. Il desenzanese è stato denunciato per maltrattamento di animali. Il cane non è in pericolo di vita e, a breve, sarà affidato al canile di Desenzano. "Un fatto di di una gravità inaudita che purtroppo conferma come, nonostante i passi avanti compiuti dal nostro Paese in materia di tutela e protezione degli animali, continuino a sussistere pericolose sacche di inciviltà di ignoranza, di intollerabile crudeltà - ha detto il presidente nazionale dell’Enpa, Carla Rocchi -. L’Enpa si costituirà parte civile nel procedimento a carico dell'indagato. Auspico che le persona sia punita con una punizione esemplare. La nostra coscienza del nostro Paese non può accettare che si verifichino episodi così raccapriccianti".