ensest porno hikaye adana chat ankara chat turk porno

In un negozio del napoletano sequestro di cuccioli provenienti dall'est Europa

L’attività investigativa del Corpo forestale dello Stato prosegue nel contrasto del commercio illegale di animali. Il personale del NIRDA e del Comando Regionale Campania del CITES, hanno effettuato un controllo presso un negozio di Napoli, già da tempo nel mirino degli investigatori. L’attività commerciale, infatti, era un punto di raccolta di cuccioli provenienti dai Paesi dell’Est, in particolare dall’Ungheria, da immettere nel

mercato come se invece fossero nati in Italia. I cuccioli italiani hanno infatti un valore di mercato molto più alto di quelli d’importazione. Le ispezioni a sorpresa dei Forestali, hanno portato alla scoperta di dodici cuccioli di razza occultati all’interno di un garage ubicato nelle immediate vicinanze del negozio. I cani, che sono stati rinvenuti ammassati all’interno di due gabbie per conigli, erano tutti sprovvisti di microchip identificativo e di documentazione sanitaria di accompagnamento. Alcuni dei cagnolini rinvenuti erano talmente piccoli da apparire ancora completamente privi di denti. Da controlli veterinari effettuati dall’Asl 1 di Napoli, è risultato che tutti gli esemplari erano di età compresa tra i 20 giorni e le 4 settimane, età molto inferiori a quella prevista per l’importazione (3 mesi e 21 giorni). I cuccioli sono stati sottoposti a sequestro per violazioni delle leggi sul traffico illecito e sul maltrattamento di animali da compagnia. I controlli, estesi a tutti gli animali del negozio, hanno permesso d’individuare un’intera partita di cani provenienti dall’Ungheria la cui età, secondo una stima fatta dai veterinari ASL, non corrispondeva a quella riportata sui passaporti europei di accompagnamento, dove i cani figuravano più grandi. Tutti i cuccioli di cane, bisognosi di cure urgenti e ricovero immediato presso altre strutture, sono stati affidati all’ASL 1 di Napoli e alla Sezione di Napoli dell’Ente Nazionale Protezione Animali, che hanno provveduto ad ospitarli presso proprie strutture adeguate.