Arsenico: a Roma nessun caso di latte contaminato

Dopo l’allarme per l’arsenico nell’acqua in alcune zone di Roma, sono scattati i controlli sugli allevamenti che attingevano a quell’acqua contaminata. "Le analisi sul latte svolte presso i laboratori  dell'Istituto Zooprofilattico Sperimentale del  Lazio e della Toscana su 10 allevamenti serviti dall' acquedotto Arsial  hanno dato esito favorevole: nel latte degli animali non sono state trovate tracce di arsenico. Questi risultati sono in linea con gli esiti di studi scientifici pubblicati a livello internazionale che dimostrano come sia poco rilevante il coefficiente di trasferimento di questo contaminante dagli animali verso gli alimenti derivati. Resta comunque alta l'attenzione degli organi di controllo della Regione (Servizi Veterinari ASL ed IZSLT) a tutela dei consumatori e delle produzioni del territorio laziale: nei prossimi giorni sarà elaborato un piano di monitoraggio sugli  alimenti e sugli animali proprio in relazione a questo contaminante ambientale che, giova ricordarlo è  presente nelle acque freatiche per fenomeni di cessione naturale legata alla natura vulcanica dei suoli.