I cani parlano! Ma non subito

I cani parlano se sai comprendere i segnali che ti mandano. La posizione delle orecchie, della coda, l’inclinazione della testa ci dicono cosa vogliono. Tutto superatoin un prossimo futuro. Quando potremo  sentire cosa gli passa par la testa grazie ad un dispositivo tecnologico indossabile che potrebbe inaugurare l'era dello "smart dog".  Questa è l'idea di un gruppo di ricercatori svedesi, la Nordic Society for Invention and Discovery, che sta lavorando al progetto No more woof, "non più abbai", che nelle intenzioni di chi lo progetta è una sorta di cuffia in grado di monitorare e analizzare l'attività del cervello del cane. Ed è anche  in grado di trasformare gli impulsi mentali in un linguaggio comprensibile agli umani. No more woof è un apparecchio, per ora un prototipo, che funziona attraverso sensori  come quelli per l'elettroencefalogramma, unito a un computer di dimensioni trascurabili e a basso consumo energetico, che si occupa di analizzare i segnali e cercare di  tradurre le informazioni ricevute  in frasi di senso compiuto. Se No more woof diventerà una realtà è ancora presto  per dirlo ed è bene ribadire che si tratta di un progetto sperimentale ma il dispositivo è piaciuto ed ha trovato sostenitori che hanno investito per realizzarlo. Vedremo se diventerà una realtà. Per ora continuiamo a cercare di capire che diamine vogliono dirci guardando le posizioni delle orecchie e  della coda.