Al Bioparco di Roma gli oranghi hanno una nuova casa

 ''Il nuovo exhibit dove vivranno le nostre tre femmine di orango, Petronilla e le sue due figlie Martina e Zoe, ha un'estensione di circa 500 mq tra parte esterna e ricoveri interni degli animali - spiega il Presidente della Fondazione Bioparco di Roma, Federico Coccia - e si sviluppa in altezza per permettere a questi animali arboricoli di arrampicarsi sui grandi tronchi presenti; un passaggio aereo collega il nuovo spazio all'area dove attualmente abitano gli oranghi. Grandi vetrate consentono al pubblico una vista molto ravvicinata di queste grandi scimmie antropomorfe delle foreste asiatiche. All'interno dell'area, gli oranghi, hanno a disposizione tronchi, corde e piattaforme in legno per muoversi, riposarsi e creare il nido, proprio come accade in un ambiente naturale''. Dal punto di vista educativo, l'area e' dotata di un impianto didattico costituito da scenografie pittoriche che simulano l'habitat di foresta tropicale, con installazioni ludico-didattiche che evidenziano le caratteristiche salienti della specie, con particolare riferimento all'eco-etologia, alle minacce e ai progetti di conservazione in natura. I tre oranghi vivono da tempo al Bioparco, Petronilla ha 43 anni e le sue 2 figlie - Zoe, 28 anni, e Martina, la piu' giovane, 24 anni - sono nate nello Zoo di Roma. Per lentezze burocratiche non è stato possibile realizzare prima questo exibit che milgiora decisamente le condizioni di vita dei tre oranghi. Domenica 30 marzo e 6 aprile al Bioparco si potranno conoscere tutti i segreti di queste scimmie antropomorfe. Dalle ore 11.00 alle ore 17.30, presso l'area degli oranghi,  gli operatori guideranno i bambini in attivita' interattive gratuite per capire l'importanza di un pollice opponibile o come fare acquisti sostenibili per contribuire alla salvaguardia della specie in natura.