Mercoledì, 20 Dicembre 2017 00:00

Il cane e il gatto anziani… tutto quello che occorre sapere

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Un giorno guardando il nostro amico d’improvviso ci accorgiamo di qualcosa che è da tempo sotto i nostri occhi ma che non avevamo notato: il suo muso è leggermente imbiancato. Non solo. Ci viene in mente che ci sembra sempre un po’ stanco e che da qualche tempo dorme un po’ più di prima e ci rendiamo conto che sta diventando via via meno attivo. Coraggio, non è nulla di grave!! Il nostro animale sta semplicemente invecchiando. L’invecchiamento, proprio come per noi, è un processo naturale, che inizia più o meno precocemente a seconda della razza e delle condizioni di vita condotte dall’animale. Oggi però per i nostri amici a quattro zampe le aspettative di vita sono fortemente aumentate rispetto al passato, con una età media che si aggira fra i 13 e i 14 anni, soprattutto grazie all’uso di una alimentazione adeguata, ai progressi della medicina veterinaria e ad una vita per molti meno disagiata. Di conseguenza, si calcola che l’attuale popolazione canina e felina di proprietà sia per il 25-30% da considerarsi anziana. Non è un primato perché negli USA la percentuale supera il 40%, ma è un bel segnale perché ci dice che molte condizioni che influenzano la longevità degli animali hanno virato in campo positivo.

Vuoi saperne di più? 

 

Letto 41639 volte Ultima modifica il Mercoledì, 20 Dicembre 2017 18:46
Altro in questa categoria: ABC della vecchiaia »