Giovedì, 13 Settembre 2018 16:34

Moschino H&M arriva la la linea per animali

La collezione, Moschino H&M, non ancora uscita, sarà infatti in vendita dall’8 Novembre, sta già facendo impazzire tutti e non  ci sono dubbi sul successo che otterrà . La vera novità è che questa collezione avrà anche una linea di abbigliamento dedicata ai Pet, la prima realizzata da Jeremy Scott.

“All’inizio, H&M mi ha chiesto se avrei potuto realizzare alcuni capi per bambini, visto che ho sia la mia linea per bambini Jeremy Scott sia quella per Moschino. Ma ho pensato che avrei preferito fare qualcosa che non avevo mai fatto prima e volevo davvero creare una linea per animali” ha dichiarato il designer.

Il successe della linea è già annunciato e la moda for pets del prossimo autunno c’è da scommetterci che sarà firmata Moschino H&M!

Pubblicato in Attualità
Giovedì, 13 Settembre 2018 13:15

Pavimenti a prova di zampe fangose

Durante la stagione autunnale è ancora più importante, per i proprietari pet, avere a disposizione i prodotti giusti per garantire igiene e pulizia in casa. Può capitare, infatti, che l’amico a 4 zampe rientri dalla passeggiata con le zampe bagnate o completamente sporco di fango dopo un momento di gioco in giardino! 

MA-FRA propone ai proprietari pet una soluzione specifica per mantenere il pavimento di casa sempre pulito, profumato e… a prova di zampette dei pet: il Lavapavimenti Antiodore.

Privo di ammoniaca, è ideale per sgrassare in modo rapido ed efficace qualunque tipo di pavimento. Grazie ad esclusivi principi attivi, il Lavapavimenti Antiodore agisce velocemente, rimuovendo lo sporco. La sua speciale formula neutralizza radicalmente anche ogni tipo di cattivo odore lasciato dai pet, rispettando però il loro delicato olfatto e lasciando nell’aria un gradevole profumo di fresco e pulito. E’ ideale anche per le superfici più delicate come parquet e marmo, in quanto lascia il pavimento lucido e senza aloni.

Disponibile in due versioni: Oxygen Formula o con fresca profumazione agli Agrumi.

MA-FRA Pet Line è la gamma completa che include detergenti per auto e per la casa e Shampoo delicati per gli amici quattrozampe.

 

www.mafraforpet.com

Pubblicato in Attualità
Giovedì, 23 Agosto 2018 11:30

L'azienda Almo Nature diventa degli animali

Almo Nature diventa la prima azienda al mondo ad essere interamente posseduta dagli animali: l’imprenditore italiano Pier Giovanni Capellino dona l’intera azienda alla Fondazione

“Nei prossimi mesi donerò, con effetto retroattivo sui profitti (dividendi) maturati dal 1° gennaio 2018, l’intera proprietà di Almo Nature ad una Fondazione, costituita col solo fine di promuovere, ovunque nel mondo, progetti in difesa dei cani, dei gatti e della biodiversità”, così l’imprenditore italiano Pier Giovanni Capellino, fondatore di Almo Nature, la nota azienda di Pet Food che produce alimenti per cani e gatti utilizzando ingredienti naturali, ha annunciato la sua scelta di destinare tutti i profitti della sua azienda agli animali.

“In questa nuova dimensione, Almo Nature diventa, attraverso la Fondazione, uno strumento economico a disposizione degli animali, della biodiversità e di coloro che condividono l’idea che sia necessario un nuovo patto degli umani con tutte le altre vite”, aggiunge Capellino nel messaggio che ha condiviso con la sua community, e non solo, in costante crescita sui social.

Una storia quella di Almo Nature iniziata nel 2000 grazie all’intuizione, all’esperienza e al rapporto di Pier Giovanni Capellino con i suoi compagni di vita a quattro zampe: “Tutto cominciò vivendo con i miei gatti Shabbat e Chocolat, i miei cani Shang, Yanga e Dottor Salento. In particolare quest’ultimo è stato il primo a ispirarmi, sia per la filosofia che per i prodotti, grazie ai suoi gesti e alla sua attitudine”, racconta Pier Giovanni Capellino che aggiunge “Dottor Salento era la mente, io ho dato voce alle sue idee”.

Almo Nature, 75 milioni di euro di fatturato nel 2017 e 81 stimati per il 2018, è stata la prima azienda al mondo a produrre cibo per cani e per gatti impiegando alimenti, in origine, idonei al consumo umano (diventati alimenti per animali per sola scelta commerciale, essendo questa la via più sicura, in Europa, per garantire ai cani e ai gatti la stessa sicurezza degli alimenti destinati all’uomo: non si tratta di “umanizzazione” ma di garanzie sugli alimenti), arrivando così in 18 anni di storia a stabilire nuovi standard di produzione con la sua capacità di innovare utilizzando solo materie prime di qualità superiore.

In questa nuova dimensione, attraverso la nascita della Fondazione Capellino, Almo Nature diventa, di fatto, la prima azienda al mondo ad essere posseduta dagli animali, “Owned by the Animals” come annuncia ora anche il nuovo logo dell’azienda. Un modo di fare impresa che guarda il mondo con gli occhi degli animali e che pensa in modo differente ribaltando i paradigmi consolidati.

Un sistema di restituzione e solidarietà ideato e fortemente voluto da Pier Giovanni Capellino, che da molti anni ha creato nella sua azienda una divisione dedicata esclusivamente allo sviluppo di progetti e azioni a sostegno della dignità e dei diritti degli animali attraverso soluzioni concrete e sostenibili, che continueranno e saranno ora promosse e gestite per conto di Almo Nature dalla Fondazione unitamente alle iniziative che i futuri dividendi (dal 2019) renderanno possibili.

La Fondazione Capellino si occuperà, infatti, non solo dei propri progetti ma prenderà parte anche a progetti ideati da terze parti e gestirà fin da subito i due grandi progetti creati da Almo Nature sotto il cappello di aLmore: il primo "A Companion Animal Is For Life", è un progetto nato con l’obiettivo di ridurre il numero di cani e gatti abbandonati, fissando delle regole per la gestione responsabile degli animali a livello europeo; il secondo, “Farmers&Predators”, con un ambito d’azione più ampio, ha l’obiettivo ultimo di armonizzare la coesistenza tra allevatori e animali predatori selvatici cosicché la biodiversità diventi un’opportunità per migliorare la qualità della vita.

 

Il progetto “A Companion Animal Is For Life” comprende al suo interno tre azioni: “LoveFood” che aiuta cani e gatti in situazioni di emergenza mettendo a disposizione di canili e gattili europei 1 milione di pasti ogni anno; “AdoptMe”, che ha l'obiettivo di portare fuori da canili e gattili il maggior numero di animali, incoraggiando le persone a fare una scelta responsabile di adozione, grazie al supporto dei volontari dei rifugi. (Azioni attivate nel 2017 in Italia nelle regioni Piemonte, Lombardia, Veneto, Campania; all’estero in Francia e in Germania. Saranno entrambe estese ulteriormente nel corso del 2018). La terza azione, “RespectMe” ha l’obiettivo di sviluppare un progetto di Legge da presentare al Parlamento Europeo al fine di armonizzare le leggi che regolano la relazione tra umani e animali per tutta la Comunità Europea.

 

Il progetto “Farmers&Predators” viene attuato attraverso due azioni: la prima, “Reduce the Conflict” parte dalla constatazione che il conflitto in essere tra animali predatori (soprattutto lupi, orsi ma anche piccoli mammiferi, in Europa) e allevatori è sempre più aspro e che si possa trovare una soluzione naturale evitando di uccidere i predatori. Per ridurre questo conflitto, “Reduce the Conflict”, spesso insieme a delle associazioni locali, fornisce gratuitamente cani da guardiania addestrati e cibo in dote a tutti quegli allevatori che scelgono metodi meno cruenti per gestire la presenza di predatori. Nel 2017 l’azione ha avuto il suo primo campo di prova, con successo, nelle regioni Toscana, Emilia Romagna e Calabria. A un livello ancora più esteso interviene, invece, la seconda azione di questo progetto, “A Possible Alliance”, un programma atto a migliorare la convivenza tra predatori e allevatori, aiutando questi ultimi a produrre cibo di qualità laddove decidano di coesistere in pace con i predatori. “Uccidere i predatori non è mai la soluzione per risolvere i loro eventuali problemi economici. Per questo motivo “A Possible Alliance” – spiega Pier Giovanni Capellino - sta lavorando per creare una piattaforma che supporti gli allevatori che firmano questo patto e siano d'accordo sul produrre e vendere i loro prodotti di qualità rispettando allo stesso tempo la biodiversità”.

 

La sede della Fondazione Capellino sarà provvisoriamente a Genova per poi essere trasferita a San Salvatore Monferrato in provincia di Alessandria, non appena terminati i lavori di recupero della proprietà acquista con questo scopo e che sarà a lavori conclusi anch’essa donata alla fondazione. La proprietà sorge sulle colline che separano le zone pianeggianti del casalese e dell'alessandrino, in un'area riconosciuta Patrimonio Mondiale Unesco. La Fondazione, una volta terminato il percorso di ristrutturazione in bioarchitettura e con l’impiego di energie rinnovabili, ospiterà un’oasi della biodiversità con numerose varietà di piante, erbe, frutti e ortaggi. Quando l’ecosistema raggiungerà il suo “equilibrio ecologico”, la Fondazione Capellino darà vita a diverse attività, tra le quali ci sarà anche un progetto educativo finalizzato alla formazione professionale all’insegna della biodiversità, anche con la creazione di un “Master della Biodiversità”, in collaborazione con le Università.

 

La Fondazione Capellino lavorerà in piena sinergia con i Comuni limitrofi, continuando l’opera di restituzione anche nei confronti del territorio in ottica di alleanza.

Per maggiori info potete visitare questo link https://www.almonature.com/it/corporate/

Pubblicato in Attualità

I cani battono i gatti, almeno online: nel 2018 l’interesse nei confronti dei cani è aumentato del 136,0% mentre quello per i gatti del 97,0%. Online il risparmio medio per entrambi si attesta attorno al 24.5%.

Ma l’e-commerce non interessa solo i quadrupedi: in aumento del 228,5% l’attenzione verso il settore acquaristica e del 91,3% quello per i volatili.

 

Sono parte integrante di tante famiglie e tengono compagnia in ogni momento della giornata ma rappresentano anche un costo: prendersi cura di un animale può richiedere una spesa annuale non indifferente. Proprio per questo, l’interesse online nei confronti degli articoli per animali sembra non essere mai stato così elevato, tanto che idealo - il portale internazionale per la comparazione prezzi online - ha voluto indagare il fenomeno, scoprendo dati molto interessanti.

Nel 2018 l’interesse complessivo nei confronti dei Prodotti per animali è aumentato del 55,5%[1], a testimonianza del fatto che l’e-commerce è sempre più vicino alla quotidianità di ognuno, arrivando a includere tutti quei settori che fino a poco tempo fa ne erano coinvolti in misura inferiore. In dettaglio, nella sfida “storica” tra cani e gatti, online vincono i primi: Nel 2018, infatti, l’interesse nei confronti dei Cani è aumentato del 136,0% rispetto al 2017, mentre quello nei confronti dei Gatti del 97,0%.

Per quanto riguarda i prodotti più cercati online, quando si parla dei migliori amici dell’uomo troviamo al primo posto quelli legati all’alimentazione (per il 77,0% delle ricerche), seguiti da trasportini (9,0%), guinzagli e collari (3,5%), accessori vari (3,3%) e infine cucce (3,0%). Sembra che l’abbigliamento per cani non faccia gola ai consumatori digitali (solo l’1,4% delle ricerche), a dimostrazione del fatto che gli e-consumer pet-friendly che si informano online prediligono la cura dell’animale e i prodotti di prima necessità a vestitini e accessori di moda.

Per quanto riguarda invece i gatti, tra i prodotti più cercati online troviamo ancora al primo posto quelli legati all’alimentazione (per il 46,3% delle ricerche), seguiti anche in questo caso da trasportini (23,0%),  tiragraffi (13,9%), cucce (7,6%) e lettiere (5,3%)[2].

Boom di ricerche tra i mesi di Ottobre (16,5% di ricerche per la categoria Cani) e Novembre (18,2% per la categoria Gatti), prima delle festività natalizie, quando - in un Paese dove una famiglia su tre si prende cura di almeno un animale[3] - regalare cucce, ciotole per la pappa o guinzagli può dimostrarsi la scelta più azzeccata.

Per quanto riguarda le possibilità di risparmio medio, per gli articoli relativi ai cani la percentuale si aggira attorno al 23,8%, mentre per i gatti può raggiungere il 25,1%: idealo ha evidenziato come – in media - i costi legati a prodotti per cani e gatti in un periodo di tre mesi tendano a diminuire di circa un quarto rispetto al loro prezzo massimo[4].  Tra i prodotti più convenienti online si segnala al primo posto la pappa per i cani, sulla quale si può risparmiare fino al 64,6%; seguita dalle lettiere per gatti (fino al 56,9%), dai trasportini per gatti (35,7%) e dalle cucce per cani (32,8%).

Ma chi sono gli e-consumer digitali così appassionati di animali da aver raddoppiato nei primi mesi del 2018 le ricerche online sull’argomento? Secondo idealo per la maggior parte dei casi (26,0%) chi si informa online sui prodotti per cani ha tra i 35 e i 44 anni, seguiti dalla fascia 45-54 anni (24,5%). Dati analoghi per gli appassionati di gatti, che per il 31,5% hanno tra i 35 e i 44 anni, seguiti dalla fascia 45-54 anni (27%). Ma se - quando si parla di cani - l’interesse tra uomini e donne si avvicina al pareggio (52,8% vs 47,2%); le cose cambiano quando si parla di gatti, con una più alta percentuale di donne pronte a dimostrarsi le più fiere appassionate (60,0% vs 40,0%).

Lo studio di idealo ha rivelato, inoltre, che le tre regioni più amanti dei cani sono rispettivamente Lazio, Marche e Veneto; per quanto riguarda invece la categoria gatti sul podio troviamo Liguria, Toscana e, anche in questo caso, Veneto[5].

Curiosità: L’analisi di idealo non si è limitata solo a cani e gatti ma ha coinvolto anche altre categorie. L’interesse maggiore degli e-consumer è stato registrato, infatti, dal settore dell’Acquaristica, in aumento nel 2018 del 228,5%, uno dei più costosi quando si parla di manutenzione. Non stupisce, infatti, l’alto tasso di ricerche legato a filtri e pompe per acquari (48,7%) e agli acquari stessi (36,6%). Ulteriori categorie che hanno fatto registrare un forte interesse online sono state quella dei volatili (+91,3% rispetto all’anno precedente) che vede come prodotti più ricercati quelli legati alle casette per uccelli, quella dei roditori (87,7%) con prodotti più ricercati legati all’alimentazione e – infine – quella dei cavalli (+20,5%) che ci mostra come l’e-commerce può essere il giusto canale anche per acquistare del foraggio[6].

In Italia si stimano più di 60 milioni di animali domestici, fedeli compagni delle nostre giornate e amici di grandi e piccini – ha commentato Fabio Plebani, Country Manager per l’Italia di idealo – Il settore e-commerce è ormai uno specchio della nostra società, per questo sapevamo che avremmo assistito a un forte incremento di tutte le categorie legate al settore pet. Le spese per prendersi cura di cani e gatti hanno spesso costi considerevoli, ma attraverso l’e-commerce e l’uso dei comparatori di prezzi si può risparmiare senza rinunciare alla qualità. L’amore per gli animali ha superato le barriere fisiche ed è approdato nel commercio elettronico, ormai parte integrante della pet economy.”

[1] Per fornire i dati, idealo.it ha analizzato il numero delle intenzioni di acquisto registrate sul portale italiano da Gennaio 2017 ad Aprile 2018.

[2] Per fornire questi dati idealo.it ha analizzato le oscillazioni dei prezzi sul portale da Febbraio 2017 a Marzo 2018.

[3] Secondo una recente analisi di Coldiretti disponibile integralmente a questo link.

[4] Per calcolare il risparmio massimo possibile, gli analisti di idealo hanno considerato l‘andamento dei prezzi dei prodotti più popolari per ogni categoria nel periodo compreso tra l‘11 Gennaio e l‘11 Aprile 2018.

[5]  I dati demografici relativi alla macro-categoria "Prodotti per Animali" sono stati ottenuti tramite Google Analytics. Periodo: Febbraio 2017 - Marzo 2018. Paese: Italia. Per poter fare un confronto tra le varie regioni italiane, il numero degli utenti interessati è stato ponderato rispetto a 100mila abitanti.

[6]  Per fornire i dati, idealo.it ha analizzato il numero delle intenzioni di acquisto registrate sui portali europei del Gruppo da Maggio 2017 ad Aprile 2018

Pubblicato in Attualità
Giovedì, 22 Marzo 2018 14:38

Nella Mente degli animali

Che cosa passa nella mente di un gatto quando, fiero, deposita ai nostri piedi il topo appena catturato? Il cane, quando ci guarda dritto negli occhi, sta davvero pensando? L’etologo Danilo Mainardi ci guida in un affascinante viaggio attraverso le facoltà mentali dei nostri amici a quattro zampe e di tanti altri animali. Storie vere, episodi gustosi per spiegare che il comportamento animale non è condizionato unicamente dall’istinto, ma spesso è il prodotto di una mente capace di risolvere problemi e trovare soluzioni. Dal cane che «parla» con il padrone attraverso lo sguardo, allo scimpanzé che impara l’uso del telefono; dal gatto che cerca di raggiungere il cibo posto al di là di un vetro, all’airone che copia dall’uomo le tecniche di pesca. Mainardi, con la passione e il rigore dello scienziato, ci accompagna alla scoperta delle straordinarie capacità mentali che caratterizzano le specie che popolano il nostro pianeta. Perché imparare a conoscere le «tante altre menti» che abitano questo mondo ci può insegnare un maggior rispetto per i nostri coinquilini.

Autore Danilo Mainardi

Editore Corriere

https://store.corriere.it/Nella-mente-degli-animali/OEWsEWcV_V8AAAFaXd5HZmvG/pc?CatalogCategoryID=HbOsEWcVCl0AAAFaLNhHZmvG&refresh_ce-cp

Pubblicato in Libri