YouPet

YouPet

Beaphar porta nei negozi specializzati la nuova linea a base di Fipronil e (S)-Methoprene con un ottimo rapporto qualità/prezzo.

Assicurare la massima protezione da pulci, zecche e pidocchi è da sempre tra le priorità di Beaphar, l’azienda olandese che da più di 75 anni opera nel campo della farmaceutica veterinaria e che ha all’attivo un catalogo di oltre 1.000 referenze studiate per garantire il benessere degli amici a quattro zampe.

Grande novità del 2018 è l’arrivo in Italia, attraverso il suo distributore ufficiale Pet Village, di FIPROTEC COMBO, l’antiparassitario equivalente che - sfruttando due principi attivi di comprovata efficacia - protegge cani e gatti dall’attacco dei parassiti più molesti, quali pulci, zecche e pidocchi. 

Come già avviene per i farmaci, anche gli antiparassitari equivalenti si distinguono per l’ottimo rapporto qualità/prezzo, dimostrandosi nel caso di FIPROTEC COMBO eccellenti prodotti veterinari a un prezzo conveniente.

 

FIPROTEC COMBO è a base di Fipronil e (S)-Methoprene, che agiscono sui parassiti e sulle loro uova, disinfestando gli animali e l’ambiente domestico. Il primo principio attivo elimina nel giro di 48 ore pulci, zecche e pidocchi; il secondo impedisce lo sviluppo delle larve: un’azione combinata, appunto, per proteggere al meglio cani, gatti e abitazioni con una copertura che dura fino a 30 giorni.

 

Disponibile in versione spot-on, FIPROTEC COMBO è realizzato in 4 diverse formulazioni: per il gatto e per i cani di taglia piccola, media e grande.

 

FIPROTEC COMBO è disponibile nei negozi specializzati per animali.

Il 74% dei proprietari non ne ha mai sentito parlare, ma in età avanzata 1 gatto su 6 soffre di questa patologia nota come “killer silenzioso”.

La cecità improvvisa è una comune conseguenza della malattia.

 

Milano, 27 marzo 2018 - Avrà inizio il 1° maggio 2018 la prima campagna di sensibilizzazione e prevenzione contro l’ipertensione felina, insidiosa patologia che nei gatti - come negli esseri umani - può danneggiare diversi organi interni senza manifestarsi con segni clinici evidenti e per questo chiamata “killer silenzioso”. Il Mese dell’Ipertensione Felina, che si svolgerà nel mese di maggio quando ricorre anche la Giornata dell’Ipertensione umana (il 17 maggio), ha lo scopo di diffondere la conoscenza della malattia tra i proprietari di gatti esortandoli a sottoporre i propri animali agli opportuni controlli soprattutto nella fascia di età maggiormente a rischio.

 

Protagonista della campagna, promossa da Ceva Salute Animale in collaborazione con l’Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani (ANMVI), è Amodeus, un simpatico gatto che anima il sito della campagna con le sue avventure (e disavventure) legate all’ipertensione. Sulla pagina www.amodeus.vet/it  si trovano i video di Amodeus alle prese con l’ipertensione, informazioni utili sulla patologia e l’elenco dei Medici Veterinari aderenti al Mese dell’Ipertensione Felina presso i quali informarsi e/o effettuare un controllo.

 

“Nei gatti, l’ipertensione sistemica può causare gravi danni ad organi bersaglio quali occhi, reni, cuore e sistema nervoso” osserva il Dr. Marco Melosi, Medico Veterinario e Presidente di ANMVI. “Sfortunatamente, è una condizione che si sviluppa in modo insidioso senza segni clinici precoci per i proprietari di gatti. Il gatto sembra stare perfettamente fino a che non gli si misura la pressione o si verificano i danni da ipertensione.”

 

Gli studi hanno rilevato che almeno 1 gatto su 6 oltre i 7 anni d’età può soffrirne e, se il gatto soffre di insufficienza renale cronica o di ipertiroidismo, il rischio diventa più alto con 1 gatto su 3 che potrebbe sviluppare anche ipertensione. La cecità improvvisa è una comune conseguenza dell’ipertensione: gli studi mostrano che dal 40% al 70% dei gatti ipertesi sviluppa cecità. “L’elevata pressione all’interno dell’occhio può causare il distacco della retina che porta alla perdita completa della vista” spiega il Dr. Melosi. “Molto spesso il proprietario coglie i segnali della patologia in uno stadio avanzato, ovvero quando il gatto comincia ad urtare contro gli oggetti.”

 

La prevenzione è fondamentale perché aiuta a diagnosticare l’ipertensione in uno stadio precoce prevenendo i danni, per lo più irreversibili, agli organi bersaglio, ovvero occhi, reni, cuore e sistema nervoso. “Ad oggi la misurazione della pressione non fa parte della visita di routine ma è auspicabile che lo diventi, soprattutto per quei soggetti che per età o per patologie predisponenti sono a maggior rischio” osserva il Dr. Melosi. “Solo attraverso un accurato lavoro di prevenzione si possono evitare i danni causati dall’ipertensione”.

 

La misurazione della pressione è una procedura che il Veterinario può praticare in modo semplice, veloce e non invasivo. “Oggi la tecnologia ci fornisce strumenti estremamente precisi, veloci e soprattutto non invasivi. La maggior parte dei gatti tollera molto bene la procedura senza agitarsi” spiega il Dr. Marco Poggi, Medico Veterinario che si occupa di cardiologia e medicina interna. “La misurazione avviene attraverso l’applicazione di un piccolo manicotto insufflabile sulla zampa o sulla coda: la pressione viene rilevata istantaneamente.”  

 

“La misurazione della pressione almeno una volta all’anno è raccomandata nei gatti di oltre 7 anni d’età come parte delle visite di controllo periodiche” sottolinea il Dr. Poggi. Se viene diagnosticata la patologia, il Veterinario potrà prescrivere una terapia efficace e sicura poiché si tratta di una condizione che, come in medicina umana, è possibile tenere sotto controllo.

 

“Un recente studio ha dimostrato che un sorprendente 74% di proprietari di gatti non ha mai sentito parlare di ipertensione del gatto” osserva Alessia Crippa, Medico Veterinario e Product Manager di Ceva Salute Animale. “Ceva Salute Animale è impegnata anche nella divulgazione di corrette informazioni su problematiche poco conosciute e a fronte di questi dati abbiamo sentito, insieme ad ANMVI, la necessità di avviare una campagna di sensibilizzazione”.

 

Informazioni sul Mese dell’Ipertensione Felina e riferimenti dei Medici Veterinari aderenti nel sito www.amodeus.vet/it.

 

Nota per la redazione

Gli studi citati nel presente comunicato sono disponibili su richiesta.

Giovedì, 22 Marzo 2018 14:38

Nella Mente degli animali

Che cosa passa nella mente di un gatto quando, fiero, deposita ai nostri piedi il topo appena catturato? Il cane, quando ci guarda dritto negli occhi, sta davvero pensando? L’etologo Danilo Mainardi ci guida in un affascinante viaggio attraverso le facoltà mentali dei nostri amici a quattro zampe e di tanti altri animali. Storie vere, episodi gustosi per spiegare che il comportamento animale non è condizionato unicamente dall’istinto, ma spesso è il prodotto di una mente capace di risolvere problemi e trovare soluzioni. Dal cane che «parla» con il padrone attraverso lo sguardo, allo scimpanzé che impara l’uso del telefono; dal gatto che cerca di raggiungere il cibo posto al di là di un vetro, all’airone che copia dall’uomo le tecniche di pesca. Mainardi, con la passione e il rigore dello scienziato, ci accompagna alla scoperta delle straordinarie capacità mentali che caratterizzano le specie che popolano il nostro pianeta. Perché imparare a conoscere le «tante altre menti» che abitano questo mondo ci può insegnare un maggior rispetto per i nostri coinquilini.

Autore Danilo Mainardi

Editore Corriere

https://store.corriere.it/Nella-mente-degli-animali/OEWsEWcV_V8AAAFaXd5HZmvG/pc?CatalogCategoryID=HbOsEWcVCl0AAAFaLNhHZmvG&refresh_ce-cp

Martedì, 06 Marzo 2018 16:18

Burger veg croccanti

Questa bontà, tutta vegana sarà perfetta per qualsiasi barbecue.
Il segreto è che potete trasformarli in un ottimo anzipasto se li ser4vite freddi!  

Ingredienti per 8 burger

300 g di patate

150g di carote

150g di cavolo cappuccino

150g di grano saraceno

2 cucchiai di salsa di soia

25g di farina di mandorle

2 cucchiai di olio di cocco

1/2 cucchiaino di coriandolo tritato

1/2 cucchiaino di sale rosa

1 pizzico di pepe

 

Procedimento

Sbucciare e tagliare a dadini le patate, le carote e il cavolo cappuccio bianco. Bollire le verdure in una pentola con acqua per circa 15 minuti. In seguito scolare l’acqua e ridurre le verdure in purea.

Cuocere il grano saraceno in una seconda pentola con acqua per circa 10 minuti. In seguito, tritare con un frullatore e aggiungere la salsa di soia e l’olio di cocco.

Unire tutti gli ingredienti e mescolare. Condire il composto così ottenuto con sale, pepe e coriandolo. Dividere il composto in 8 burger e lasciar riposare l’impasto in frigorifero per circa un’ora.

Cuocere i burger sulla griglia o al forno su una teglia protetta da carta forno, oppure per i più golosi friggere in padella!

Martedì, 06 Marzo 2018 16:13

Piccola taglia, grandi esigenze

I cani di piccola taglia sono sempre più diffusi nelle nostre case. Le loro ridotte dimensioni infatti li rendono più adatti alla vita di appartamento, soprattutto nelle grandi città.

 Ridotte dimensioni (anche di bocca, denti e stomaco) non corrispondono però a ridotte esigenze nutrizionali, anzi, questi cagnolini hanno specifiche necessità per quanto riguarda l’alimentazione.

 Prima di tutto i cani di piccola taglia hanno un metabolismo accelerato che regala loro un'incontenibile vivacità e un'allegria davvero irresistibile che li rende molto simpatici.

 Questo comporta tuttavia un consumo energetico superiore del 60% rispetto ai cani di taglia media o grande. Ecco perché è importante scegliere per loro un alimento bilanciato specifico per la taglia e bilanciato, come GRANforma Mini by Nutrena®.

Alla nutrizione eccellente GRANforma Mini unisce anche appetibilità e gusto, che lo rendono estremamente gradito ai piccoli quattro zampe, che generalmente si caratterizzano per un appetito più difficile ed esigente rispetto ai cani più grandi.

 

Le crocchette di dimensioni più piccole di GRANforma Mini by Nutrena® sono inoltre più facili da masticare e favoriscono l’abrasione meccanica di placca e tartaro, alla cui formazione i cani di piccola taglia sono maggiormente soggetti.