Il comitato bioetico per la veterinaria festeggai 15 anni di attività

Description

Nuovo ciclo per Il Comitato Bioetico per la Veterinaria che inizia le attività con la conferma alla Presidenza di Pasqualino Santori. Nel Consiglio, sono rappresentate come sempre le diverse anime della società italiana e le sue professionalità e sensibilità: oltre ai veterinari, pubblici e privati, ne fanno parte filosofi, giuristi, economisti, antropologi, etologi, esperti di benessere animale, allevatori, pedagoghi e rappresentanti delle associazioni animaliste e dei consumatori. Il Comitato quest'anno festeggia 15 anni di attività con due Convegni di grande prestigio di cui sono già stati individuati i temi: "crisi economica ed animali. L'impatto sulle abitudini delle famiglie italiane ed il loro riflesso verso gli animali, domestici e non" e il metodo di lavoro sperimentato in 15 anni di attività del CBV applicabile a organismi previsti dalla nuova legislazione europea e nazionale per "animali da laboratorio, vivisezione, ricerca farmacologica e non solo. "Molti sono gli argomenti affrontati in questi quindici anni di attività - ha dichiarato Il presidente del Comitato Bioetico Pasqualino Santori - tutti temi che riguardano il benessere/interessi/diritti degli animali e che investono naturalmente, il rapporto spesso controverso che abbiamo con loro. Quest'anno concentriamo la nostra attenzione su un tema che avevamo già trattato in passato ma che è adesso più che mai di grande attualità e che ci investe a moltissimi livelli, più di quanto pensiamo, perché quando si parla di animali e crisi e economica oggi, si parla di un mondo che sta cambiando profondamente a causa della più grave crisi finanziaria che la cultura occidentale abbia mai affrontato, e in questo panorama difficile, gli animali, rappresentano un anello debole che più di tutti potrebbe pagare i disagi della mancanza di benessere economico e sociale. Riteniamo quindi giusto interrogarci e soprattutto accendere un focus su cosa accadrà nel prossimo futuro". Scopo principale del Comitato è, infatti, non solo quello di indicare soluzioni ai problemi etici che pone la presenza degli animali nella società, temi particolarmente avvertiti dalla categoria dei veterinari, ma anche di far arrivare questo dibattito alla collettività per un una crescita complessiva della sensibilità su questi temi. Per questo il Comitato ha anche stabilito di aprirsi maggiormente al rapporto con le persone attraverso una comunicazione più strutturata con i media, un uso maggiore di internet e delle sue applicazioni, per arrivare a diffondere il dibattito la dove la gente si incontra, nelle piazze virtuali.

Back to Top