×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 42

Orzo perlato con i funghi

Senza dubbio l’orzo più completo, dal punto di vista nutrizionale, è quello integrale. Ma non sempre ci sono le condizioni per utilizzarlo. Il motivo è semplice: richiede di essere lasciato in acqua, in ammollo, per alcune ore e questo significa sapere in anticipo cosa si vuole cucinare. Anche se non ci stancheremo mai di ripetere che in cucina l’ingrediente che non deve mai mancare è il tempo, molte volte questa regola non si può rispettare. Ecco il motivo per cui in cucina il più utilizzato, perché non richiede ammollo e ha tempi di cottura inferiori, è "l’orzo perlato", ovvero privato delle parti più esterne. L’orzo perlato, rispetto ad altri cereali raffinati, contiene comunque alte percentuali di fibra che, in questo cereale, non è concentrata solo nelle parti più esterne del chicco, ma è uniformemente distribuita. L’orzo perlato è quindi una delle più ricche fonti di fibra che può contribuire al controllo del glucosio e del colesterolo. Oltre alla fibra, l’orzo fornisce molto amido ( 65 grammi/etto), proteine (10%), vitamine, soprattutto del gruppo B, e minerali, specie ferro, potassio. Altro pregio dell’orzo: il basso indice glicemico. Questo significa che, a parità di contenuto di carboidrati, comporta rialzi della glicemia più graduali e moderati rispetto ad altri alimenti.


Ingredienti per 4 persone:

g 320 di orzo perlato
g 400 di champignon,
una carota,
un gambo di sedano,
uno scalogno,
prezzemolo,
una bustina di zafferano,
1,5 litri di brodo vegetale,
4 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
sale


Preparazione:
tritare finemente uno scalogno e farlo appassire in olio. Aggiungere la carota e il sedano a pezzetti, rosolare, aggiungere l’orzo, lavato e sgocciolato, e farlo tostare. Quando sarà tostato, aggiungere via via brodo bollente come per un risotto. A metà cottura aggiungere lo zafferano sciolto in un po' di brodo. Nel frattempo rosolare  nell’olio rimasto gli champignon affettati, insaporire con sale. Poco prima di togliere l’orzo dal fuoco aggiungere i funghi, aggiustare di sale e cospargere con un trito di prezzemolo.

Altro in questa categoria: Risotto ai funghi con gorgonzola »